L'asciugatrice e i vari modelli.

Tra gli elettrodomestici che negli ultimi anni hanno registrato un forte incremento di vendite in Italia c’è l’Asciugatrice. Molto utile per chi ha poco tempo e poco spazio per stendere i panni oppure per coloro che hanno necessità di panni puliti e pronti in breve tempo.
Come ogni elettrodomestico ha i suoi pro e contro. Per i primi, oltre quelli citati sopra, possiamo dire che i modelli migliori non lasciano pieghe e asciugano il bucato alla perfezione. Tra i contro invece dobbiamo ammettere che l ’utilizzo dell’elettrodomestico è piuttosto dispendioso ed incide molto sui consumi.
Esistono diversi modelli di asciugatrici la maggior parte delle quali simili ad una lavatrice standard (60x60x85 di altezza). I modelli salvaspazio invece sono larghi soltanto 45 cm anziché 60, e per tutti le capacità di carico variano tra i 5 e gli 8 kg.
Le asciugatrici possono presentarsi come modelli: da terra, da incasso sopra o sotto la lavatrice, a parete e lavasciuga (lavatrice incorpora già l’asciugatrice).

 

Asciugabiancheria

Punti fondamentali in fase d'acquisto.

  • marchio e modello dell’asciugatrice;
  • classe di efficienza energetica;
  • KWh consumati da un ciclo di asciugatura di biancheria in cotone;
  • rumorosità dell’asciugatrice espressa in decibel (dB);
  • evacuazione/condensazione in un ciclo di asciugatura standard del cotone.
  • capacità di carico dell’asciugatrice in un ciclo di asciugatura standard di cotone;

 

Consumo Energetico

 

Risparmiare energia elettrica.

Tra i vari fattori da tenere in considerazione nella scelta di un'asciugatrice ci sono: controllo dell’etichetta energetica e relativa classe, consumi per ciclo. In genere all’interno dell’elettrodomestico, nelle versioni elettroniche, troviamo dei sensori che sono in grado di rilevare il grado di asciugatura, il livello di umidità del bucato e la quantità di biancheria così da permettere all’asciugatrice di decidere il programma di asciugatura più adatto. E' presente inoltre una specifica funzione che riduce automaticamente i consumi.
Se si vuole risparmiare bisogna scegliere un'asciugatrice a pompa di calore, in cui il riscaldamento e il raffreddamento dell’aria sono regolati da un compressore a gas refrigerante che produce calore per l’asciugatura e condensa l’umidità estratta dalla biancheria. Ovviamente la spesa d’acquisto sarà maggiore ma in compenso il risparmio durante l’utilizzo negli anni sarà notevole.

Consumi elettrici.

Rispetto ad altri elettrodomestici l’asciugatrice ha un dispendio di energia maggiore ed in genere i suoi consumi variano tra i 3 e i 5 KWh a ciclo, per le asciugatrici di classe B o C mentre per quelle classe A, si può consumare meno di 3 KWh. Consigliamo di usare i programmi di asciugatura più adatti alle vostre esigenze, evitando per esempio di avviare l'asciugatrice con il cestello mezzo vuoto.

Sicurezza nell'utilizzo dell'asciugatrice.

Secondo le norme per la sicurezza, le asciugatrici devono essere dotate di marchi CE e IMQ, che ci indicano appunto la presenza di dispositivi di sicurezza come:

  • spia luminosa e acustica che segnala quando la vaschetta della condensa è piena;
  • spia che segnala quando il filtro è intasato;
  • blocco della porta/oblò per evitare aperture accidentali;
  • avvisatore acustico per segnalare la fine del ciclo di asciugatura;

 

Principali Marche di Asciugatrici