L'acquisto del telefono ormai è diventata una scelta importante visto che gli smartphone attuali sono dei piccoli PC che ci semplificano in molti casi operazioni che prima eravamo soliti svolgere da un computer fisso/portatile. Nella scelta del proprio smartphone bisogna tener conto di diversi fattori: sistema operativo, fascia di prezzo, funzioni particolari, dimensioni e reparto multimediale (fotocamera, audio). Se poi non siete portati per la cose un pò sofisticate ma preferite funzioni basilari come chiamata ed invio sms, allora con poche decine di euro avrete ciò che fa per voi.

Fasce di prezzo.

Se consideriamo le fasce di prezzo, sappiamo che Apple ha in commercio solo prodotti di fascia alta che prevedono un budget importante, mentre Android e Windows Phone ricoprono tutti i settori del mercato essendo commercializzati da diversi produttori. Gli esponenti principali per entrambi sono rispettivamente Samsung e Nokia che detengono le fette di mercato più ampie. Ci sono anche LG, HTC, Huawei, Asus che hanno prodotti dalle ottime potenzialità e che nell'ultimo periodo hanno registrato un notevole passo in avanti.

Per la fascia di prezzo bassa sono i dispositivi Windows Phone a prevalere su quelli Android per quanto riguarda le prestazioni mentre nella fascia media (300/400€), possiamo considerarli sullo stesso livello. Discorso diverso invece è quello relativo ai top-smartphone, dove è presente Apple, e la cui scelta nella maggior parte dei casi è attribuita alla preferenza di un determinato sistema operativo.

Sistema operativo.

iOS è il software di casa Apple che troviamo sugli iPhone e che è gestito direttamente dall'azienda di Cupertino. Questo naturalmente è un bene, perchè qualsiasi problema, viene risolto con maggiore rapidità rispetto per esempio ad Android che ha una maggiore diffusione ma un'altrettanta frammentazione. Stessa cosa dicasi per Windows Phone, essendo Microsoft il proprietario del software che poi viene distribuito ai produttori come Nokia e Samsung. Abbiamo infine Blackberry, Bada o l’ormai abbandonato Symbian che ricoprono però posizioni marginali.

Se avete già un iPad o una versione precedente di iPhone, vi piace iOS e volete un telefono che funzioni alla perfezione con un supporto hardware e software diretto da parte del produttore, allora la scelta è sicuramente iPhone. In ogni caso bisogna considerare che i device Apple sono pensati per un ecosistema preciso e chiusocome quello di iCloud (sincronizzazioni tra dispositivi iOS) e quindi non compatibile alla condivisione ed invio di file con altri OS (operating system). Se invece volete un dispositivo personalizzabile al 100%, con ottime prestazioni, funzioni e "gesture" interessanti e con una vasta scelta nelle dimensioni e prezzo, allora andate su Android. Windows Phone, che viene associato quasi sempre a Nokia, è adatto perlupiù agli amanti della fotografia (vedi ultimi Lumia), ricezione e audio perfetti anche se con un parco applicazioni ancora povero di tutte quelle novità presenti in AppleStore e Google Play, ma in continua crescita.

StoreApplicazioni.

Per il settore Applicazioni l'AppStore è ancora una spanna sopra il Google Play (anche se i titoli famosi sono presenti in entrambi), mentre Windows Phone è molto lontano. Sebbene lo Store di Google ha superato per numero di download quello Apple, quest'ultimo rimane ancora superiore per fatturato generando 2.3 volte i profitti dello store di Google.

I giochi rappresentano quasi il 40% di tutti i download per entrambi gli store, ma su App Store generano il 70% di tutte le entrate, mentre su Google Play arriviamo all’80%. I paesi dove Apple guadagna di più grazie all’App Store sono Stati Uniti, Giappone, Regno Unito, Australia e Cina, mentre per il Google Play troviamo al primo posto il Giappone, seguito da Corea del Sud, Stati Uniti, Germania e Regno Unito.

 

Navigazione internet.

Per sfruttare al 100% le potenzialità degli smartphone non possiamo non attivare un piano dati che ci permetta di navigare in internet anche fuori da casa o in zone non coperte dalle rete Wi-Fi, soprattutto perchè tutte le app che noi scarichiamo ormai hanno bisogno della connessione dati per aggiornarsi e fornirci le info di cui abbiamo bisogno. Attualmente i vari operatori telefonici offrono dei pacchetti tutto incluso con i quali abbiamo a disposizione minuti/sms/internet con diverse soglie di traffico. Ovviamente è consigliato sottoscrivere una di queste offerte piuttosto che sfruttare internet con un piano tariffario base, in quanto la navigazione di pochi minuti avrebbe un costo nettamente superiore ai "tutto incluso".

Principali Marche di Smartphone